Profilo bloglovin Profilo Pinterest Profilo Google + Profilo Instagram Profilo twitter Profilo Facebook

Piante sospese: i vasi da appendere al soffitto

Pubblicato il: 30 maggio 2017 | Commenti 0
Piante sospese

Fonte: www.designmag.it

L’estate fa venir voglia di aria aperta, di natura, di libertà! E se non abbiamo il tempo di fare una bella passeggiata… possiamo portare il verde da noi! I soliti 1000 vasi sparsi per la casa, però, possono essere fastidiosi. La soluzione esiste: sono le piante sospese!

Il floating garden

Quella del floating garden è una tendenza che sta prendendo molto piede anche qui in Italia: significa letteralmente “giardino fluttuante” ed è perfetto, appunto, per chi non sopporta la confusione creata da troppe piante da appartamento in giro.

Il Kokedama

Poteva una cosa simile non avere origini in Giappone? Kokedama significa “palla di muschio” ed è un metodo di coltivazione che prevede l’inserimento delle radici di una piccola pianta all’interno di una palla di fango ricoperta, appunto, di muschio. Queste piantine senza vaso vengono poi legate con dello spago e lasciate fluttuare dal soffitto.

Piante sospese

Kokedama – Fonte: www.casanovahcom.br

Vasi sospesi

Se il Kokedama è troppo per voi, potete darvi ai vasi sospesi: basta avere dello spago, delle cordicelle o dei fili di lana con cui creare una “rete” per assicurare il vaso. Tagliate, poi, della lunghezza che desiderate i fili per appendere il vaso al soffitto e il gioco è fatto! Se non avete molta manualità, questo tipo di “rete” può essere acquistata già confezionata nei negozi di giardinaggio o bricolage. Va da sé che per poter essere appesa, la pianta non dev’essere troppo grande.

Tanti vasi da appendere di diverse misure fissati al tetto a diverse  altezze creeranno un vero e proprio giardino interno, molto suggestivo.

Piante da appendere a testa in giù

Avete capito bene: una pianta può vivere tranquillamente anche appesa a testa in giù. Per osare tanto, servono ovviamente dei vasi appositi che consentano un’irrigazione della pianta molto lenta e direttamente dalle radici. Un esempio sono i vasi Sky Planter di Boskke acquistabili su Amazon.

Piante sospese e riciclo

Ecco qui una carrellata di idee per rendere il vostro giardino sospeso anche sostenibile, grazie all’utilizzo di materiali riciclati. In particolare, al posto dei vasi potete utilizzare: vecchie bottiglie di vetro, lampadine rotte, provette, barattoli in vetro (quelli della marmellata o delle conserve di pomodoro), barattoli in metallo (ad esempio quelli dei pelati, opportunamente bucherellati)… le idee sono infinite e se avete tanta immaginazione scoprirete di non poterle più dare un freno. Questa storia dei floating garden potrebbe prendervi la mano!

Piante sospese fiorate

Come abbiamo detto, si prestano ad essere appese le piante non troppo grandi: le piantine grasse sono davvero perfette per il vostro giardino fluttuante: sono piccole, possono stare anche in un ambiente chiuso (purché luminoso) e non hanno bisogno di molta acqua. Quando fioriscono, poi, sono uno spettacolo.

E a proposito di fiori… se le piante grasse non fanno per voi e volete un giardino sospeso sempre colorato, scegliete le piante da fiore! La begonietta, la bocca di leone, il ciclamino mini… l’effetto sarà spettacolare.

Cosa ne pensate delle piante sospese?

Avete o pensate di cominciare a coltivare un giardino fluttuante?

buzzoole code